LA NUMERAZIONE DELLE VIE DI TORINO

Oggi lo diamo per scontato, ma enumerare le vie di Torino non fu cosa facile. Il sistema in uso ancora oggi fu importato dalla vicina Francia nel 1799. Cuore dell’esperimento via San Domenico, nel tratto che conduceva alla vecchia Porta Susina. Nel 1808 con una norma, si decise di dare un nome a ciascuna via, piazza, viale, strada della città; si divise inoltre la città in “isole” e sezioni. Restano oggi le tracce delle antiche mappature, targhe di marmo e pietra dedicate a santi e patroni. Difficile fu anche arrivare a decidere un metodo per organizzare i numeri delle abitazioni. Il ragionamento si concluse con la posa dei numeri pari sulla destra e i numeri dispari sulla sinistra. Il 25 Novembre 1860 si stabilì la regola definitiva: Piazza Castello sarebbe stata il cuore del sistema urbano, punto di partenza delle varie arterie cittadine.


Condividi